Il gup del Tribunale di Agrigento Luca D’Addario ha condannato a 3 anni di reclusione, con la formula del patteggiamento, Giuseppe Mattina, 35 anni, di Favara,il titolare dell’autosalone arrestato il 15 nove,mbre scorso con l’accusa di estorsione ai danni di un avvocato favarese. Mattina secondo l’accusa, avrebbe estorto denaro a un avvocato che aveva fatto da intermediario per fargli ottenere la liquidazione delle somme per il furto di un’autovettura. L’avvocato, invece, di restituire i soldi al cliente, circa 20 mila euro,  avrebbe trattenuto la somma per fare fronte ad alcuni problemi economici. Mattima avrebbe iniziato a minacciare l’avvocato, facendosi consegnare assegni, poi 5 mila euro al mese ed infine una maxi rata finale da 40 mila euro. Ad arrestare Mattina, i carabinieri della Tenenza di Favara, che hanno organizzato una trappola.