fbpx

Un peschereccio, il “Valeria III”,  è affondato ad un miglio e mezzo da Capo Ponente a Lampedusa. 

Un marinaio – Giovanni Bono di 59 anni – è morto e altre due persone, sopravvissute, sono state recuperate dalle unità di soccorso della Guardia di finanza e della Guardia costiera e portate al Poliambulatorio dell’isola dove i medici li hanno sottoposti ì a tutti gli accertamenti sanitari necessari.

Sull’imbarcazione erano in tre. Si sono accorti del pericolo tant’è che sono riusciti ad avvisare che stavano affondando. Le motovedette si sono subito precipitate, ma il peschereccio era già colato a picco. Per Giovanni Bono non c’è stato nulla da fare. 

Sul peschereccio pare che si sia, all’improvviso, aperta una falla. Spetterà all’inchiesta, aperta dalla Procura della Repubblica di Agrigento, con a capo il procuratore capo Luigi Patronaggio, fare chiarezza sulle cause della tragedia. “Dichiarato a Lampedusa il lutto cittadino per la morte del pescatore, Giovanni Bono” – ha detto il sindaco delle Pelagie, Totò Martello.