Una persona, è stata uccisa e il figlio è stato gravemente ferito poco prima delle 18, in un agguato avvenuto in via Pietro Nenni, a Palma di Montechiaro. La vittima è N.A. di 50 anni, ferito il figlio di 22 anni. Entrambi sono di Palma di Montechiaro. N.A, raggiunto da sette colpi di pistola, è morto subito, mentre il figlio, colpito tre volte, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale San Giacomo d’Altopasso di Licata, dove è stato ricoverato. Le sue condizioni sono gravi ma non sarebbe in pericolo di vita. A fare fuoco sarebbe stato una sola persona, che i poliziotti del Commissariato di Palma di Montechiaro, avrebbe già fermato. Secondo indiscrezioni l’assassino sarebbe imparentato con il sindaco di Palma, Rosario Bonfanti. Padre e figlio si trovavano davanti il bar ” La Fontana”, quando sono stati raggiunti da numerosi colpi di arma da fuoco esplosi da due persone. Sul posto sono intervenute le pattuglie dei carabinieri e della polizia del Commissariato di Palma.  Subito dopo l’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Santo Fornasier è passata nelle mani della Squadra Mobile di Agrigento. Alla base dell’agguato ci sarebbero motivi economici. N.A. e il figlio hanno in gestione il bar “La Fontana” che è di proprietà di uno dei fratelli del sindaco di Palma. Alla base del delitto il mancato pagamento di alcuni mesi del canone di affitto.