Giorno 22 aprile aprile, si ripete ad Agrigento la tradizionale del Venerdì Santo che coinvolge gli abitanti della città. Si parte  alle ore 9,00,  dalla Cattedrale, dove si snoderà per la strade del centro storico,  la Processione di Gesù Appassionato, che raggiungerà  la Chiesa dell’Addolorata  alle ore 10,00 circa. A quell’ora ci sarà l’incontro tra i simulacri di Gesù e della Madonna Addolorata, cui . seguirà una  lunga processione, che percorrerà la via Garibaldi attraversando  le vie del centro storico cittadino per raggiungere la Chiesa di S.Alfonso (quest’anno la Cattedrale è chiusa per lavori in corso).  Qui  alle 14,00   si svolgerà la Crocifissione. Poi alle 15.30  la Predica delle Sette Parole, e conseguentemente  si celebrerà la della Passione del Signore con l’esecuzione dei Canti sotto la Croce a cura  del Coro di Santa Cecilia.

Alle ore 19 in punto, avverrà la deposizione  nell’artistica Urna di Gesù dalla Croce,  e condotto in Processione.  Si rifarà il tragitto mattutino inverso con  la statua della Madonna Addolorata fino alla Chiesa di San Domenico dove l’Arcivescovo Mons. Montenegro pronuncerà il tradizionale messaggio pasquale. Al termine, le due Arciconfraternite ricondurranno i due simulacri nelle rispettive Chiese. La Banda musicale intercomunale Joppolo-Santa Elisabetta-Agrigento “V.Bellini”, diretta dal maestro Mangione, e la Banda “V.Bellini” di Valledolmo, diretta dal maestro Pera, intoneranno per tutto l’arco della processione serale e mattutina, musiche particolarmente toccanti.