Un giovane rumeno detenuto, si è tolto la vita in una cella del carcere di contrada Petrusa, impiccandosi con un lenzuolo. A scoprire l’ accaduto questa notte è stato un agente di custodia, avvertito da altri detenuti. Un suicidio, che, pare confermato dall’amministrazione della casa circondariale. Sconosciuti i motivi dell’insano gesto. La salma del rumeno è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale San Giovanni di Dio, per essere sottoposta questa mattina ad ispezione cadaverica. Il magistrato di turno, informato dai carabinieri della compagnia di Agrigento, che conducono le indagini, non ha ancora disposto l’autopsia. Momenti di tensione si sono vissuti all’arrivo all’obitorio dei familiari e amici del rumeno. Un folto gruppo di connazionali del giovane rumeno defunto, ha protestato vivacemente e inveito contro le forze dell’ordine e il regime carcerario. A controllare la situazione alcune pattuglie dei carabinieri e della sezione Volanti.