fbpx

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Stazione di Menfi, a conclusione di un’attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Sciacca, hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare nei confronti di  Moldovan Mariorara Janina, 29 anni e Munteanu Vasile,  37 anni rumeno, entrambi pregiudicati residenti a Menfi. Lo scorso mese di Luglio, la Moldovan, dopo aver adescato la vittima, un pensionato del luogo, l’ha condotta nella propria camera da letto ove poco dopo giungeva il marito, che all’insaputa di quest’ultimo e d’accordo con la propria consorte, fotografava i due in atteggiamento ambiguo. Con la minaccia di mostrare le foto alla moglie della vittima, i due rumeni estorcevano al pensionato menfitano la somma di € 200,00. Gli arrestati, dopo le formalità di rito, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

Un pensiero su “Arrestati due rumeni”
  1. Da piccolo ho vissuto in un ambiente cittadino modesto e rasentante quasi la povertà. Ma la dignità non ha mai abbandonato gli abitanti di questo ambiente cittadino. Gli anni passano, pur nella conduzione di una vita modesta, mai e poi mai la delinquenza si è impadronita dei bisognosi. Si frequentano le scuole superiori; amici appartenenti a diverse estrazioni, hanno tutti in comune una esistenza modesta ma dignitosa. Passano ancora gli anni, lo Stato Italiano accompagna i giovani di un tempo, nelle sedi universitarie. Le famiglie fanno grossi sacrifici ma, alla fine, arriva anche la Laurea ed è una grande festa per moltissime famiglie abituate ad un tenore di vita modesto ma “dignitoso”. Si spalancano le porte del lavoro, della professione, del commercio. Ognuno sceglie la propria strada e lo Stato Italiano interviene sempre permettendo ad ognuno di acquistare una casa in Cooperativa. Le famiglie progrediscono e, si direbbe, che i TRIBUNALI avrebbero potuto chiudere bottega, in quanto mai (si ripete mai) si è commesso un REATO pur nella modestia e (quasi) povertà. Poi qualcuno ha aperto….. anzi……ha spalancato le porte agli IMMIGRATI e per le famiglie ITALIANE è incominciato il TRACOLLO, lento ma inesorabile che ha portato, nel giro di appena qualche decennio, le famiglie a disfarsi del proprio ORO di FAMIGLIA per poter mangiare. Per questo, tutti i giorni alla PREGHIERA di ringraziamento al Signore per aver fatto progredire le famiglie italiane di un tempo, segue anche la MALEDIZIONE per i fautori della LEGGE MANCINO, quella legge-spazzatura che ha permesso a tutta la delinquenza internazionale di venire in Italia al solo scopo di DELINQUERE. Se il legislatore di allora (parlo del 1993) anzichè approvare la legge-spazzatura per eccellenza, avesse approvato una legge uguale e contraria, nel senso di prevedere una serie di AGGRAVANTI SPECIFICI per gli stranieri, difficilmente leggeremmo di tali notizie. Ma i fautori della Legge Mancino e coloro che, a distanza di ben 21 anni, non hanno ancora capito che necessita di una sua ABOLIZIONE, dovranno rendere conto a Dio che, nel pieno della PASSIONE ha detto: “……se trattano così il legno verde, che ne sarà del legno secco?…….” a voler significare la necessità della PROTEZIONE delle persone ANZIANE! Ma, evidentemente la Chiesa, che della del Verbo ha solamente una concezione da catechismo, tira avanti e pensa al sistema di perpetuazione delle piaghe della società italiana.

I commenti sono chiusi.