La rivoluzione in sanità nell’agrigentino continua. Nel mirino del cambiamento adesso i criteri di graduazione degli incarichi dirigenziali. Questa mattina il direttore generale dell’Asp di Agrigento Salvatore Ficarra ha invitato tutte le sigle sindacali per proporre alcune  modifiche al regolamento  con cui vengono graduati e qualificati gli incarichi dei dirigenti medici sia ospedalieri che territoriali. Soprattutto ha provveduto a creare un atto aziendale  di graduazione che negli anni precedenti non è mai stato realizzato e che ha creato un contenzioso con 120 medici i quali hanno presentato ricorso al giudice del lavoro. Obiettivo eliminare il contenzioso e riconoscere sulla base di un criterio equo la giusta valutazione per tutti i 600 dirigenti medici dell’ASP. (Int. Alfonso Buscemi, CGIL FP) I sindacati dovranno entro la prossima settimana esprimersi in merito alla modifica del regolamento di graduazione degli incarichi dirigenziali che il direttore ha apportato e concordare come data  il  primo gennaio 2015 per la sua decorrenza, con  effetto retroattivo e i dovuti conguagli per i medici che hanno presentato il ricorso. (int. Giovanni Farruggia, CISL FP) Non scende l’attenzione sul  precariato degli ex articolisti dell’azienda per il quale già per  89 di essi è  iniziato l’iter di stabilizzazione, ma buone notizie arrivano anche per il restante numero di precari. (Int. Giovanni Farruggia, CISL FP)

IMG_4492 IMG_4491