“Stanzieremo circa di 1 milione di euro per valorizzare la struttura e l’offerta espositiva del Museo Storico delle Pelagie di Lampedusa, gia’ impreziosito dalla presenza della splendida Arena Acefala risalente al V secolo avanti Cristo. Nel sito, che sara’ oggetto di un profondo intervento di ‘musealizzazione’, arriveranno anche numerosi reperti archeologici provenienti dalla Soprintendenza di Agrigento”. Lo dichiara l’assessore regionale per i Beni culturali, Sebastiano Missineo, durante il sopralluogo al Museo storico delle Pelagie di Lampedusa. “Prevediamo anche il coinvolgimento di Universita’ e istituti di ricerca – prosegue – in particolare per quanto riguarda gli interventi di restauro dei reperti archeologici che poi verranno esposti a Lampedusa. Ma abbiamo anche intenzione di ampliare l’offerta storico culturale creando un itinerario che partendo dal Museo, e le aree archeologiche presenti, arrivi fino alla necropoli paleo cristiana”. “Questo – prosegue – al fine di attrarre sull’Isola anche un turismo di tipo culturale, oltre a quello di tipo vacanziero e attratto dalle indiscutibili qualita’ del mare lampedusano”.