Per il segretario generale della Uil “il lavoro sta pagando le conseguenze prima della pandemia, adesso della guerra”, quindi non serve promuovere “quello precario o a tempo determinato”. Inoltre l’inflazione “ha mangiato una buona parte dei salari e delle pensioni dei lavoratori”.

xa2/ads/gtr