“La questione morale è una grande questione politica? E’ questa la domanda che da più parti viene fatta oggi a seguito di un innumerevole ripetersi di casi di corruzione che interessano esponenti di partiti di diversa collocazione ed orientamento”. Sono parole dell’ex sindaco di Naro, Maria Grazia Brandara, che sottolinea come la selezione della classe dirigente di un partito sia il banco di prova più impegnativo per dimostrare la coerenza tra i proclami e i comportamenti concreti.

“La politica, scrive la Brandara, non può giocare di rimessa ed intervenire dopo che le inchieste giudiziarie rendono incompatibile la presenza di una parte della sua classe dirigente, sia pure a livello locale. In attesa di una riforma elettorale, conclude la Brandara, è il momento di prevedere pure le sanzioni nel codice etico”.