“Entro la fine della prossima settimana il dipartimento regionale delle Infrastrutture, consegnera’ i progetti di ristrutturazione dei bacini di carenaggio – da 19 e 52 mila tonnellate – dei cantieri navali di Palermo e di Trapani. Da quel momento in poi l’ assessorato lavorera’ a ritmi serrati per emettere il bando europeo da 65 milioni entro la fine del mese di maggio, e comunque non oltre i primi giorni di giugno. Ritengo che se i tempi saranno rispettati, entro la fine di settembre potranno cominciare i lavori di ristrutturazione dei bacini sia di Palermo sia di Trapani”. Lo ha dichiarato questa mattina l’assessore regionale alle Attivita Produttive, Marco Venturi, intervenendo al convegno sulla cantieristica navale organizzato da Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm-Uil nella sala “Stella Maris” del Porto di Palermo. Presenti, tra gli altri, il capogruppo del Pd all’Ars Antonello Cracolici, il presidente della commissione Attivita’ Produttive, Salvino Caputo, il deputato nazionale del Pd, Sergio D’Antoni, i responsabili di Fincantieri Palermo, i segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil e di Fiom, Uilm e Fim e le Rsu dello stabilimento. “La Regione ha piu’ volte dimostrato con i fatti – ha sottolineato Venturi – di credere nel progetto di rilancio dei Cantieri Navali di Palermo, uno dei siti storici della cantieristica navale italiana e impianto strategico per la sua posizione al Centro del Mediterraneo. Abbiamo firmato un protocollo con Fincantieri, Comune e Autorita’ Portuale con cui – ha proseguito – abbiamo ribadito la nostra volonta’ di investire sui Cantieri Navali palermitani e abbiamo messo sul piatto risorse economiche pari a 65 milioni per la ristrutturazione di 2 bacini, da 19 e 52 mila tonnellate, a Palermo e a Trapani. E’ giusto che anche l’azienda Fincantieri, metta in atto tutte le iniziative – ha concluso – per utilizzare al meglio il sito palermitano e i suoi lavoratori, altamente specializzati, e la cui qualita’ produttiva e’ gia’ riconosciuta e apprezzata”.