fbpx

“L’autonomia della Sicilia deve essere difesa come un valore ma non deve essere un pretesto per polemizzare sempre con il governo nazionale”. Lo afferma Michele Cimino,deputato di Forza del Sud. “Già da assessore al Bilancio, avevo affermato che occorre cooperare con il governo nazionale,con il ministro Tremonti e che solo con un stretta collaborazione si possono risolvere i problemi che abbiamo in questi giorni in Sicilia. Siamo a pochi giorni dalla scadenza del tempo utile per l’approvazione della finanziaria e del bilancio ed ancora non solo le carte non sono state depositate, ma mancano i soldi per fare quadrare i conti. Bastava ,continua Cimino, prendere in seria considerazione i suggerimenti della finanziaria dell’anno scorso,da me redatta come assessore al Bilancio, una finanziaria di rigore e di responsabilità che si preoccupava di velocizzare la spesa per il potenziamento delle attività imprenditoriali e per invertire la tendenza tra la spesa e gli investimenti e che prevedeva la creazione di un pool di studiosi indicati dalla Stato e dalla Regione che si occupasse di armonizzare i bilanci europei, nazionali e regionali. Ora,non si può ora andare a Roma con il cappello in mano ad elemosinare i fondi per far quadrare il bilancio soprattutto perché ci vuole tempo e serenità di rapporti con il ministro Tremonti per evidenziare che la Sicilia non chiede né risorse aggiuntive né trattamenti di favore ma solo chiarezza su tutte le emergenze che derivano anche da mancati trasferimenti dovuti ma mai avuti” – conclude Cimino.