fbpx

Contatti

5 pensiero su “Contatti”
  1. Dear sir/madam,

    My name is Katie Gabler. The reason I am contacting you today is because I am interested in purchasing advertorials on your website agrigentotv.it.

    The post that we would try to place on your website would be about an online casino game. If you accept such posts on your website I would much appreciate if you could send me details regarding your price list, availability of the post and the possibility of content writing.

    I look forward to hear from you to further discuss about this opportunity.

  2. Gent. mo giornale di Sicilia , sono Marco Francesco Cagnina, fashion designer con più di 12 anni di esperienza. Ho lavorato 10 anni per LA PERLA, leader mondiale nello studio e progettazione di lingerie e corsetteria da donna e come direttore creativo e head designer per i marchi PEROFIL e LUNA DI SETA. Sono nato a Santo Stefano Quisquina e ho origini alessandrine. Quest’anno ritorno nel mio amato paese il 22 di agosto con la novità di aver creato il primo evento di moda con le mie collezioni. Mi chiedevo se poteva sentirci per capire eventuali dirette o articoli. Grazie

  3. COMUNICATO STAMPALA MIGRAZIONE DEIGIOVANI DEL SUD
    RACCONTATA NEL DIARIO “NON SARÀ MAI UNA DEA”Il libro di Grazia La Paglia,disponibile gratuitamente online,
    ripercorre i ricordi di infanzia e di Palermo,
    in un confronto con la quotidianità del nordItalia,
    alla ricerca di un lavoro.

    È da oggi disponibile online,gratuitamente, “Non sarà mai una dea – DiPalermo e della Sicilia – Diario di una migrazione come tante”, il libro diesordio di Grazia La Paglia.
    Giornalista freelance vallelunghese, ha vissuto per dieci anni a Palermo perpoi trasferirsi, tre anni fa, a Milano, alla ricerca di un lavoro stabile.
    E proprio tre anni fa ha preso vita ilsuo diario “di una migrazione come tante” in cui l’autrice ripercorre i luoghie i ricordi della sua infanzia trascorsain Sicilia, i momenti della vita a Palermo e li confronta con la sua attualequotidianità milanese. OGGETTI, MOMENTI E LUOGHI
    Il diario inizia con il capitolo dedicato proprio al capoluogo siciliano, cittàa cui La Paglia è particolarmente legata, in cui è cresciuta e in cui si èfortemente formata.
    Le prime pagine del libro raccontano ilmomento della partenza. “Quando lasci via Alloro e guardi in fondo alla strada, verso il ForoItalico, scorgi il prato verde, il mare calmo e una nave da crociera che siallontana, lentamente – scrive – Ma il mio aereo, quella mattina, si fece spazio trabanchi di nebbia che coprivano la pianura Padana. Ad accogliermi c’eranol’immensa campagna piatta, gli alberi longilinei e ordinati, i 2 gradi diMalpensa. Nulla di anomalo, tutto normale. Copione rispettato”. Il libro prosegue con brevi capitolidedicati a oggetti, momenti e luoghi: le stazioniabbandonate dell’entroterra siciliano, le viste panoramiche dal Pirelloneconfrontate con quelle della Torre di San Nicolò all’Albergheria – a Palermo,l’Annunziata di Antonello da Messina che da Palazzo Abatellis è poi stataesposta a Milano, il rientro in paese per le festività natalizie, il TeatroMassimo con le stelle di Natale, l’arrivo della primavera senza mandorli infiore – a Milano – e il ricordo della rinascita della natura siciliana. E poi ancora, l’autrice racconta legiornate dedicate a Peppino Impastato vissute anni fa a Cinisi e oggi trascorse – quasi in solitaria –a Milano, oppure ancora le serate allaTaverna Azzurra e alla Magione – subito dopo gli esami universitari.

    La seconda parte del libro, “Homecoming”, è dedicata al tortuoso viaggio per tornare da Milano nell’arido entroterra siciliano, dove i ricordid’infanzia riemergono e si fanno più vivi. NON SARA’ MAI UNA DEA: IL DIARIODEDICATO ALLA SICILIA
    “Non sarà mai una dea” è quindi il diario di una migrazione come tante edei ricordi che un po’ tutti portano con sé.
    Ma “Non sarà mai una dea” è ancheun viaggio di sola andata che nonsarebbe stato possibile senza quei tanti piccoli tasselli raccolti in Sicilia. Il libro è dedicato a chi “Non saràmai una dea”: “alla Sicilia quindi, aPalermo e anche al mio paese, giorno dopo giorno sempre più disabitato e daisupermercati con gli scaffali sempre più vuoti – scrive La Paglia – Non sarà mai una dea la terra che mi sonolasciata alle spalle, con i suoi gabbiani sui tetti delle stazioni, con i suoiolivi e mandorli che colorano e invadono l’entroterra. Non sarà mai una dea quella terra di mezzo. Ma sarà sempre – sempre –l’unica casa per me e per chi, come me, ha preso la valigia”. LIBRO GRATUITO ONLINE
    Il libro èdisponibile online in versione ebook. Per scaricarlo basta collegarsi al sito http://www.lapagliagrazia.wordpress.com e cliccare nell’apposita voce del menù“Non sarà mai una dea”.
    In alternativa, è disponibile sia nel sito che nell’app WattPad. Per leggere illibro è necessario registrarsi al sito o all’app (gratuitamente) e cercare iltitolo del libro.
    Tutti i dettagli sono disponibili a questo link -> https://lapagliagrazia.wordpress.com/non-sara-mai-una-dea-il-libro/

    L’AUTRICE
    Grazia La Paglia.Nata e cresciuta nell’entroterra siciliano, ha vissuto per dieci anni a Palermoper poi trasferirsi a Milano. In Sicilia ha iniziato la sua esperienza comegiornalista per diverse testate (La Repubblica Palermo, La Sicilia e Balarm) occupandosidi volontariato, di università, di storie di integrazione e di multicultura.Per Balarm ha curato il blog “Amazing (dis)Grace” da cui è nato “Non sarà maiuna dea”.  

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.