Il 6 aprile scorso – dopo quasi un anno passato in casa di parenti o amici – erano ritornati nelle loro abitazioni dopo la revoca dell’ordinanza di sgombero da partre del Comune emessa per consentire i lavori di messa in sicurezza del palazzo Lo Jacono – Maraventano. L’altro ieri il crollo dello stabile e il nuovo invito ad uscire di casa. Questa volta le famiglie evacuate hanno deciso di adire le vie legali contro il Comune di Agrigento, affidandosi all’avvocato Basilio Vella. “Ci sono i presupposti per affermare che ci sono gravissime responsabilità da parte del Comune di Agrigento – ha spiegato l’avvocato Valla – inoltreremo subito una diffida al Comune e alla Protezione civile, di rimozione delle macerie, che bloccano abitazioni e portoni. Inoltre partirà un esposto denuncia contro il Comune alla Procura della Repubblica”.