Sono passati più di 4 mesi da quando il centro storico di Agrigento è stato protagonosta del crollo del palazzo Lo Iacono Maraventano, e ad oggi la situazione è rimasta immutata:le macerie sono ancora al loro posto, creando disagi notevoli ai residenti della zona.

Una situazione ai limiti della normalità quella vissuta dai residenti del centro storico. Una situazione che doveva essere risolta già da tempo ma che per diversi motivi burocratici non ha trovato ancora una svolta definitiva. Se a tutto ciò si aggiunge l’arrivo (ormai prossimo) della stagione delle piogge, la prospettiva si fa ancora più problematica poiché il mal tempo potrebbe essere la causa di ulteriori crolli che metterebbero a serio rischio la sopravvivenza di una buona parte del centro storico senza considerare poi i rischi derivanti per l’incolumità delle persone. Da parte del sindaco Zambuto arrivano però notizie rassicuranti