fbpx

Si rifornivano di cocaina a Canicattì e Catania per poi rivenderla a Caltanissetta. Ne acquistavano circa 100-200 grammi a settimana che poi tagliavano per rivenderla a 100 euro al grammo, incassando il doppio del costo della droga. L’organizzazione messa in piedi da Giuseppe Fiume, 51 anni, è stata sgominata dai carabinieri di Caltanissetta con undici arresti, tra questi c’è anche il canicattinese, Diego Milazzo di 37 anni. Fondamentali sarebbero state le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia del clan Cappello di Catania. Quest’ultimo aveva parlato della vendita di droga a ‘Giuseppe’ che faceva il custode alla villa comunale. Alla sua identità sono arrivati i carabinieri: Giuseppe Fiume, che, secondo l’accusa aveva organizzato un’attività di spaccio di tipo familiare, insieme al fratello Alessandro, al figlio Eros e al genero Mario Ragusa. La droga viaggiava anche all’interno dei pannolini dei figli di due di loro. Questi ultimi poi operavano in maniera diversa. Il primo, spacciava direttamente nella sua abitazione di via Redentore dove quotidianamente si recavano decine di persone, tra studenti, artigiani, commercianti e professionisti. Il secondo, invece, consegnava la droga all’interno della sua Alfa Romeo 147 in giro per Caltanissetta e San Cataldo. Gli arresti sono stati eseguiti in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Caltanissetta su richiesta della locale Procura Distrettuale.