Il Gup del Tribunale di Sciacca, Michele Guarnotta, ha condannato i 12 imputati del processo scaturito dall’operazione antidroga “Bacchanalia” che hanno scelto il rito abbreviato. Queste le condanne inflitte: 5 anni di reclusione e 20 mila euro di multa a Vincenzo Orsini, di 37 anni, di Menfi; 2 anni e 8 mesi e 12.000 euro ad Antonella Chillà, di 32 anni, di Menfi; 8 anni e 6 mesi e 26.000 euro a Francesco Notaro, di 56 anni, di Santa Caterina Villlarmosa; 4 anni e 20 giorni e 18.000 euro a Francesco Pecora, di 23 anni, di Sciacca; 4 anni e 4 mesi e 20.000 euro a Calogero Cammarata, di 34 anni, di Menfi; 4 anni e 4 mesi e 18.000 euro a Giovanni Titone, di 26 anni, di Menfi; 2 anni e 8 mesi e 12.000 euro a Maria Luisa Mergola, di 23 anni, di Menfi; 3 anni e 13.000 euro a Claudio Montalbano, di 24 anni, di Menfi; 3 anni e 15.000 euro a Vito Mirabile, 28 anni, di Menfi; 2 anni e 8 mesi e 6.000 euro a Kamel Kitar, 25 anni, di Menfi; 2 anni e 4 mesi e 4.000 euro a Salvatore Caruso, di 26 anni, di Menfi; 2 anni e 8 mesi e 6.000 euro a Francesco Miceli, di 24 anni, di Erice. L’operazione “Bacchanalia” scattò lo scorso maggio. Le investigazioni preseroil via dal Carnevale del 2009.