Mancano circa 8 mesi alla data delle prossime elezioni comunali.
I cittadini saranno chiamati a rinnovare consiglio e sindaco della Città dei
Templi, ma già da giorni il contesto politco è in subbuglio.
La più importante novità riguarda, come noto, l’impegno in prima persona del
re dell’eolico Salvatore Moncada.
L’imprenditore domani mattina presenterà alla stampa, all’interno della sede
della sua azienda, l’iniziativa “Salvare Agrigento” il primo progetto lanciato
dalla “Fondazione AGire insieme”.
In questa occasione, e nell’appuntamento pubblico di sabato prossimo alle
10e30 al cinema Astor, Moncada passerà dai manifesti ai progetti e renderà note
le sue intenzioni in vista della competizione elettorale.
Ormai la sua candidatura viene data per certa da molti, ma l’imprenditore
ufficialmente prende ancora tempo e dice di avere intenzione di scendere in
campo direttamente “solo se necessario”.
Di ufficiale c’è la ricandidatura di Marco Zambuto; a Chianciano Terme per la
festa dell’Udc avrebbe ottenuto l’appoggio del suo partito e così, come
annuncia da tempo, eccolo pronto a gareggiare per la riconferma, pronto anche
ad affrontare Salvatore Moncada. Ma sulla coalizione che dovrebbe sostenerlo
ancora tutto poco chiaro.
L’altra candidatura dovrebbe essere quella del consigliere comunale Giuseppe
Arnone, anche questa più volte annunciata.
Sul fronte Pd si era parlato nelle scorse settimane anche di una possibile
candidatura di Piero Luparello; ma questa pare essere scemata in particolare
dopo l’avanzata del nome di Moncada.
L’imprenditore al momento sembra così essere il favorito, ma ancora mancano
tanti mesi e gli equilibri politici potrebbero mutare e stravolgere tutto
questo contesto.