fbpx

C’è un nuovo video agli atti dell’inchiesta della Procura di Agrigento sull’esposione dello scorso 11 dicembre a Ravanusa , causata da una fuga di gas, che ha fatto crollare una palazzina, provocando la morte di 9 persone – tra cui una donna al nono mese di gravidanza – e devastando un intero quartiere. Nelle immagini di alcune telecamere del sistema di videosorveglianza della zona si vedono i fari di un’auto,  in una parallela di via Trilussa, poi l’esplosione e il boato. Passa qualche secondo e si vedono due donne scendere dall’auto lasciare gli sportelli aperti e fuggire via, miracolosamente illese ma ovviamente terrorizzate, con la parte posteriore dell’auto completamente distrutta. Ci sono i primi indagati nell’inchiesta per la strage di Ravanusa, condotta dalla procura di Agrigento per disastro colposo e omicidio colposo plurimo e che coinvolge i vertici nazionali e regionali di Italgas: 10 gli avvisi di garanzia nei confronti di dirigenti e tecnici della società. La loro iscrizione nel registro degli indagati è scattata come “atto dovuto” in vista di alcuni accertamenti irripetibili previsti nei prossimi giorni sul luogo dell’esplosione. Un atto, dunque, “a garanzia” degli stessi indagati che, a questo punto, potranno nominare un difensore di fiducia e dei consulenti di parte e partecipare così attivamente agli accertamenti disposti dai pm di Agrigento per chiarire le cause della tragedia. Italgas Reti informa in una nota “che nell’ambito delle indagini volte ad accertare le cause del tragico incidente accaduto lo scorso 11 dicembre a Ravanusa alcuni suoi dipendenti sono stati raggiunti da avvisi di garanzia notificati dal Tribunale di Agrigento. Gli avvisi si rendevano necessari al fine di poter effettuare nel contraddittorio delle parti accertamenti tecnici non ripetibili, che si svolgeranno nei prossimi giorni per ricostruire la dinamica degli eventi. La società, nel prendere atto di tali provvedimenti, conferma la massima collaborazione nel corso delle prossime attività a supporto agli inquirenti, come ha fatto fin dall’inizio”.