Un maxi blitz con perquisizioni in tutta Italia, anche ad Agrigento, è stato disposto dalla Procura di Termini Imerese, e affidato ai poliziotti della sezione di Polizia giudiziaria, contro una presunta organizzazione criminale specializzata nel commercio in rete di falsi Green pass, al prezzo di 300 euro, in grado di superare i normali controlli di verifica. Gli indagati sono 25, mentre gli acquirenti sono stati scoperti in 15 province italiane: Agrigento, Roma, Cremona, Aosta, Cosenza, Lucca, Caltanissetta, Palermo, Bologna, Olbia, Bari, Venezia, Treviso, Mantova e Salerno. I falsi Green pass erano venduti in diversi canali presenti sulla piattaforma Telegram. Sono 20 le perquisizioni ordinate in ambito nazionale che hanno consentito di sequestrare, oltre a Green pass cartacei, una trentina di dispositivi informatici all’interno dei quali i certificati erano conservati in formato digitale. I venditori assicuravano secondo le indagini agli acquirenti il rilascio di un certificato “rafforzato terza dose” personalizzato, chiedendo copia della tessera sanitaria, a fronte del pagamento di circa 300 euro, solitamente in criptovaluta, prevedendo anche sconti famiglia per coloro che acquistassero più certificati.