fbpx

Si conoscerà nei prossimi giorni l’esito dell’udienza del Tribunale del riesame chiamato a decidere se sottoporre a misure cautelari meno afflittive il favarese Antonino Baio, imprenditore, 72 anni arrestato il 28 novembre dopo avere confessato di aver ucciso Calogero Palumbo Piccionello, facoltoso imprenditore quasi monopolista nel settore delle slots machines in tutta la provincia di Agrigento. Gli avvocati che difendono Baio, Salvatore ed Annalisa Russello hanno chiesto, infatti, la scarcerazione del loro assistito ed in subordine la concessione degli arresti domiciliari, tenuto conto dell’età di Baio e soprattutto perché è reo confesso, non intende sottrarsi alla cattura e perché non potrebbe in alcun modo inquinare le prove.