La giunta comunale di Favara sarà colorata di rosa.

Due donne infatti entreranno a far parte dell’amministrazione guidata da Domenico Russello a seguito della notifica della sentenza del Tar che obbliga il primo cittadino favarese a rivedere la sua giunta, nominata il 16 marzo scorso, composta da 8 assessori tutti uomini.

Il Tar ha accolto, infatti, il ricorso presentato dall’associazione Giovanidee, vicina al deputato regionale del Pdl area Alfano Nino Bosco. Motivazione: la violazione dell’articolo 45 dello statuto comunale che prevede la presenza di donne in giunta in misura non inferiore al 20 per cento.

Un articolo al quale il sindaco Russello aveva dato un’interpretazione diversa.

Intanto ieri nel palazzo comunale il sindaco ha convocato la giunta uscente e i capigruppo di maggioranza per cercare di trovare insieme una soluzione che possa portare due assessori a lasciare posto ad altrettante donne.

E ieri seduta al tavolo c’era anche lei Antonietta Vita l’unica donna presente tra i 30 consiglieri comunali di Favara.

Il sindaco, come ha già annunciato, non avanzerà ricorso e non chiederà la sospensiva, ma ci sarà pertanto un rimpasto a breve con la presenza di due donne in giunta.