fbpx

Il Tar ha sospeso il bando di concorso dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento per la copertura di 7 posti di dirigente medico di Ostetricia e Ginecologia. Tre dirigenti medici in possesso di tale specializzazione, risultati idonei al precedente concorso bandito dall’ex Azienda ospedaliera San Giovanni di Dio di Agrigento hanno proposto un ricorso davanti al Tar Sicilia Palermo, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, per chiedere l’annullamento, previa sospensione, del bando di concorso dell’Asp. I ricorrenti hanno sostenuto tramite i difensori che in presenza di una graduatoria valida ed efficace l’Azienda sanitaria non avrebbe potuto indire una nuova procedura concorsuale, ma avrebbe dovuto utilizzare la precedente graduatoria per la copertura dei posti vacanti e disponibili dello stesso profilo professionale. Si è costituita in giudizio l’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, per chiedere il rigetto del ricorso. Il Tar Sicilia Palermo sez. I , presidente Filoreto D’Agostino, relatore il consigliere Nicola Maisano, poiché ha ritenuto fondati i motivi di ricorso formulati inerenti l’obbligo di utilizzazione delle graduatorie concorsuali per la copertura dei posti vacanti e disponibili, ha accolto la richiesta di sospensione dell’esecuzione del bando di concorso, ed ha fissato l ‘udienza per la trattazione del merito della controversia nel mese di marzo del 2012. Pertanto fino a tale data l’Azienda sanitaria non potrà portare avanti la procedura concorsuale indetta dal direttore generale.