fbpx

L’associazione “Avviso Pubblico” ha presentato il secondo rapporto che analizza per intero il 2011 e fa focus sul 2012 sulle minacce mafiose nei confronti di amministratori locali e personale della pubblica amministrazione. Numeri che indicano un aumento di intimidazioni dal 2010 al 2011 in modo esponenziale, soprattutto nelle regioni del sud. Nel giro di 12 mesi si è passati infatti da 212 casi del 2010 ai 270 censiti nel 2011, con un +27%. Una media di 22 casi al mese, 5 alla settimana, 1 ogni 34 ore, in 14 regioni italiane. Nel 74% dei casi le minacce sono rivolte agli amministratori, nel 12% al personale della pubblica amministrazione, nel 14% a mezzi e strutture (37 casi). A livello provinciale Reggio Calabria, Agrigento e Napoli sono le realtà maggiormente colpite con rispettivamente 31, 23 e 18 casi. A Roma sono 6 i casi, pari al 2% del totale nazionale.