fbpx

Domenico Sinaguglia, funzionario comunale indagato, assieme all’ex presidente del Consiglio comunale di Agrigento, Carmelo Callari, per peculato, abuso d’ufficio e falso in atto pubblico, ieri è stato interrogato dagli investigatori della Digos. L’inchiesta riguarda alcune spese sostenute da Callari per effettuare viaggi personali a Roma e Milano, spacciati per trasferte per fini istituzionali. Spese che sarebbero state pagate dalle casse comunali, e Sinaguglia avrebbe approvato alcuni di questi rimborsi. Alla presenza del suo difensore, avvocato Rosa Salvago, per circa un’ora e mezza Sinaguglia ha parlato, ha risposto alle domande che gli sono state fatte dagli investigatori. Avrebbe chiarito alcuni aspetti della vicenda. Sinaguglia avrebbe sostenuto di avere agito in buona fede e si sarebbe fidato ciecamente dell’operato di Callari.