Quante volte vi siete imbattuti, navigando su internet, su servizi che richiedono l’attivazione di un abbonamento ed accorgervi, successivamente, che il vostro budget mensile si è ridotto, di qualche decina di euro, a causa di applicazioni a pagamento che non vi interessano o che non intendete utilizzare? Nella maggior parte dei casi si tratta di offerte di servizi, applicazioni o piattaforme per musica, streaming, software, che vengono addebitate automaticamente mensilmente, dopo una prova gratuita di 30giorni. Le somme sono così esigue, almeno inizialmente, che dopo il test “a gtratis” spesso ci si dimentica di disattivarlo. Ma con il passare del tempo, i vari abbonamenti si sommano e possono diventare costosi. Non è necessario aspettare la fine dell’anno per disdirli: ecco alcuni consigli per mettere in ordine gli addebiti automatici e conservare solo l’essenziale.

La prima soluzione, proposta da Cnet, è piuttosto radicale: bloccare i pagamenti sulla carta di credito. La carta verrà disattivata, insieme a tutti i pagamenti ricorrenti, e sarà sufficiente attendere per ricevere una nuova carta. Questa soluzione, un po’ estrema consente, di interrompere immediatamente tutti gli abbonamenti e i pagamenti, ma, a seconda delle condizioni delle banche, può comportare l’applicazione di commissioni. Un’alternativa, per le applicazioni a pagamento e per evitare di cercare gli abbonamenti uno per uno sull’estratto conto: andate sull’App Store o sul Play Store di Android e, nella sezione “abbonamenti”, trovate tutti gli abbonamenti per sospenderli in pochi clic.

Esistono anche applicazioni come Trim e Truebill che forniscono questo servizio automaticamente. Si collegano ai conti bancari per esaminare gli estratti conto e cercare gli abbonamenti ricorrenti. Questi strumenti possono anche fornire i dettagli di contatto o il link URL necessario per cancellare gli abbonamenti. Tuttavia, per farlo dovrete fornire loro alcuni dati personali.

La prossima volta, pensateci due volte prima di accettare un test gratuito e pensateci due volte prima di iscrivervi a qualsiasi servizio. Informatevi, soprattutto, su come annullare l’abbonamento prima di provare a sfruttare il periodo gratuito, perché mantenere un abbonamento indesiderato per alcuni mesi vi costerà tempo e denaro.