fbpx

La Settimana Santa rappresenta il periodo più importante dell’intero anno liturgico in cui si celebra il mistero pasquale di Cristo: la sua passione, morte e risurrezione con una serie di riti che coinvolgono l’intero paese. A Siculiana l’evento è organizzato dal Comitato provinciale Acsi di Agrigento in collaborazione con la comunità ecclesiale di Siculiana e la partecipazione delle confraternite di Pasqua. I riti della Settimana Santa a Siculiana hanno inizio la mattina della domenica delle palme, per ricordare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme con una piccola processione, la benedizione dei rami di ulivo e delle palme e la concelebrazione della Santa Messa in piazzetta Piano. Con il giovedì santo inizia il triduo pasquale. Nel pomeriggio viene celebrata la messa in “Coena Domini” in cui si fa memoria dell’Ultima Cena, dell’istituzione dell’Eucarestia, e del gesto della lavanda dei piedi, per proseguire a tarda sera con l’incontro dell’Ecce Homo con l’Addolorata e San Pietro. La mattina del venerdì santo si svolge la Via Crucis per le vie cittadine per concludersi con la Crocifissione. Nel pomeriggio nelle parrocchie si svolge l’azione liturgica. In serata deposizione dalla Croce e sepoltura. Il sabato santo è il giorno del silenzio e della meditazione. In tarda serata inizia la veglia pasquale che è ricca di contenuti e di simboli. E nella giornata di Pasqua non mancherà il tradizionale incontro dei Santi, una particolar processione durante la quale viene riproposto, tra folklore e tradizione, l’annuncio di San Michele Arcangelo, a Santa Maria Maddalena, a San Pietro, a San Giovanni ed infine alla Madonna, dell’avvenuta risurrezione di Gesù.