A venti anni dalla morte di Libero Grassi, l’Amministrazione comunale di Agrigento guidata dal Sindaco Marco Zambuto vuole ricordare un “eroe borghese” che ebbe il coraggio di opporsi strenuamente al racket delle estorsioni mafiose.“Abbiamo il dovere, come classe politica – dice a tal proposito l’Assessore comunale Pietro Mirotta – di sostenere tutte le realtà economiche ed imprenditoriali che, anche attraverso l’insegnamento di chi ha perso la vita per non piegarsi alle logiche mafiose, combattono quotidianamente per la sopravvivenza personale e della propria azienda”.Tutto ciò non è semplice, ma l’indirizzo dato alle giovani generazioni da parte di imprenditori liberi e coraggiosi, che con il loro sacrificio hanno riscattato la dignità dell’intero popolo siciliano, obbliga tutti, a mettere in campo nuove strategie di coesione sociale per fronteggiare le numerose emergenze che quotidianamente attanagliano le realtà produttive del nostro già martoriato territorio”.