Mentre la natura è centrale nella vita di alcune persone, altre sembrano poterne fare a meno senza problemi. Una possibile spiegazione di queste drastiche differenze è che l’amore per la natura sia effettivamente insito nei geni. I ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore hanno condotto uno studio sui gemelli che dimostra che il desiderio di stare nella natura è sempre lo stesso nei gemelli con geni identici (monozigoti). Due gemelli identici condividono al 100% il gusto per la natura.

I ricercatori hanno intervistato 1.153 coppie di gemelli identici e non identici sulla loro percezione della natura e sulla frequenza con cui visitano aree naturali come parchi pubblici, giardini privati o spazi più ampi. Secondo i risultati dello studio, le preferenze dei gemelli monozigoti sono molto più simili di quelle dei gemelli dizigoti, che condividono circa il 50% dei loro geni. Per la prima volta, uno studio convalida la componente genetica della predisposizione alla natura e della probabilità di frequentare aree naturali.

Secondo lo studio, il gusto può cambiare con l’età. Fattori ambientali come l’accesso alla natura e agli spazi verdi potrebbero portare a un maggiore amore per l’aria aperta durante l’invecchiamento. Gli autori hanno sottolineato che è necessaria una pianificazione urbana diversificata per garantire a tutti l’accesso agli spazi naturali e ai benefici per la salute mentale che essi offrono.