Per far fronte al calo dei viaggi aerei, le compagnie aeere  sono alla costante ricerca di nuovi modi per risparmiare spazio e migliorare il comfort dei viaggiatori. Air New Zealand sembra essere riuscita a fare proprio questo: presto darà ai passeggeri della classe economica la possibilità di sdraiarsi e dormire su veri letti durante le lunghe tratte.

Dal 2024, Air New Zealand doterà i suoi nuovi Boeing 787 Dreamliner di moduli che consentiranno ai viaggiatori di dormire comodamente. Ogni modulo sarà situato tra le cabine Premium Economy ed Economy e comprenderà un cuscino, lenzuola, tappi per le orecchie, luce di lettura, porta USB e presa di ventilazione. I moduli saranno impilati come letti a castello, con due file contenenti tre letti ciascuna.

Durante i voli, però, ad ogni passeggero sarà concessa solo una sessione di quattro ore, ritenuta dalla compagnia aerea più sufficiente per dare ai clienti la possibilità di rilassarsi, addormentarsi e svegliarsi. Per motivi igienici, la biancheria da letto verrà cambiata tra una sessione e l’altra.

L’azienda afferma di essersi concentrata sul sonno, sul comfort e sul benessere perché è consapevole dell’importanza che i suoi clienti arrivino ben riposati. Questo tipo di soluzione innovativa potrebbe aiutare un settore che negli ultimi anni è stato duramente colpito dagli effetti della drammatica crisi sanitaria.