Scippo questa mattina in via Dante, nel centro storico di Licata. Una donna, A.V., di 61 anni, di Licata, mentre stava percorrendo la strada in compagnia della figlia, all’ottavo mese di gravidanza, sono state avvicinate da uno scooter, con a bordo due giovani, entrambi con la faccia coperta da occhiali da sole e cappellino di lana. I due sono arrivati alle spalle di madre e figlia, e mentre il ciclomotore è passato di fianco, il passeggero ha allungato un braccio nel tentativo di strappare via la borsa. La donna ha tentato disperatamente di difendere la borsa che portava a tracolla e durante la colluttazione che ne è seguita è stata scaraventata e trascinata a terra per alcuni mesi. Mentre i due malviventi si sono dati alla fuga, la malcapitata è stata subito trasportata al pronto soccorso dell’ospedale San Giacomo d’Altopasso, dove i sanitari hanno riscontrato diverse lesioni su tutto il corpo e un trauma ad una spalla e un altro al ginocchio sinistro, giudicati guaribili in 20 giorni. Bottino dello scippo, 250 euro e il telefonino cellulare. Illesa la figlia della donna. Poco dopo nel corso di una perlustrazione in piazza Progresso, i militari diretti dal comandante del Norm, Salvatore Manuello, hanno rintracciato ed arrestato il conducente dello scooter. Si tratta di Salvatore Famà, 21 anni, di Licata, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine. Deve rispondere di furto aggravato e lesioni personali. Ricercato il complice.