fbpx

Dopo aver preso parte alla celebrazione dell’88° anniversario della nascita dell’Aeronautica militare, nella base dell’Ami di Lampedusa, il presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, insieme all’assessore regionale per l’ambiente, Gianmaria Sparma, e all’ufficiale sanitario dell’isola, Pietro Bertolo, ha visitato l’istituto scolastico omnicompresivo “Pirandello” di Lampedusa. Accompagnato dagli insegnanti e dal sindaco Bernardino De Rubeis, Lombardo ha visitato il plesso Pirandello che ospita la scuola media e il plesso “Pascoli”, dove si trova la scuola elementare. Il presidente ha incontrato gli studenti e constatato il funzionamento dell’istituzione scolastica sull’isola. L’istituto omnicomprensivo di Lampedusa conta 1.020 alunni, fra scuola materna, elementare, media e superiore. Di questi, 385 nella scuola primaria e 250 nella media, i due plessi visitati da Lombardo. “Ho constatato – ha detto Lombardo – che, nonostante gli allarmi lanciati, non e’ avvenuto fino a ora il temuto blocco dell’attivita’ scolastica. Salvo pochi casi, i ragazzi vanno regolarmente a scuola e l’istituzione scolastica lavora normalmente. E’ un ottimo segnale per l’isola, anche se, certamente, serve molto di piu’. I ragazzi hanno dimostrato di conoscere le istituzioni e di fare affidamento su di esse perche’ Lampedusa recuperi al piu’ presto la sua normalita’. E’ un motivo in piu” per agire con assoluta immediatezza ed efficienza, altrimenti che insegnamento lasceremmo alla future generazioni? Il grido di dolore di Lampedusa e’ il grido di dolore di tutta la Si cilia, che pretende rispetto ed efficienza per se, per i suoi territori e per la sua gente, oltre che per i migranti poveri disperati che devono essere assistiti in modo civile”.