I giudici della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento (presidente Franco Messina) hanno disposto la confisca dei beni beni dei fratelli Filippo e Giovanni Campo, di 48 e 42 anni, di Menfi, entrambi imprenditori edili, coinvolti nell’inchiesta antimafia “Scacco Matto” e condannati (in primo grado) rispettivamente a 13 e 12 anni di reclusione perché ritenuti responsabili del reato di associazione per delinquere di stampo mafioso. Il provvedimento è stato emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Palermo. La confisca riguarda fabbricati, terreni automezzi, nonché alcune ditte ditte individuali e società operanti nel movimento terra e nella vendita di calcestruzzo.