Tanti dubbi da chiarire e molti nodi da sciogliere sull’incidente stradale costato la vita ad una commessa agrigentina, Antonella Alfano, 34 anni.  Il tragico sinistro si è verificato nella tarda mattinata di sabato, sulla strada provinciale 80, l’ex via Nuova Favara. Con molta probabilità domani mattina, sul cadavere della donna sarà effettuata l’autopsia. Ad eseguire l’esame autoptico sarà il medico legale Gianfranco Pullara. Le indagini sono coordinate dal Pm Giacomo Forte e condotte dalla Squadra mobile della Questura agrigentina. Non convincono alcuni punti: in primis la mancanza sull’asfalto di segni di franata e poi l’incendio che si è sviluppato dopo l’impatto, non violento, con l’albero. Altro aspetto a cui si crede poco è la mancanza di testimoni. Nessuno si è accorto di quell’auto finita nel burrone. Gli investigatori non scartano l’ipotesi, che l’incidente stradale potrebbe essere stato causato da un pirata della strada che ha tamponato la Fiat 600. Le indagini della Procura mirano ad accertare eventuali responsabilità.