Non si sono fermati all’Alt dei carabinieri, e nella fuga hanno speronato l’auto di servizio. Alcune ore dopo, al termine dell’inseguimento, durante il quale hanno rischiato di provocare un incidente stradale, sono stati arrestati, e posti ai domiciliari. Si tratta di tre giovani di 19, 31 e 22 anni, tutti di Agrigento. Devono rispondere di resistenza a Pubblico ufficiale e danneggiamento. Tutto quanto s’è verificato nel pomeriggio a Villaseta. I tre giovani a bordo di un’auto hanno forzato un posto di controllo dei militari dell’Arma, probabilmente perchè Di Maria che era alla guida non aveva la patente. Nella fuga la vettura ha speronato la gazzella, danneggiata a un faro e alla carrozzeria. Poco più tardi sono stati rintracciati, e arrestati. Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Giuseppa Zampino, ha convalidato gli arresti, e per tutti ha applicato la misura cautelare dell’obbligo di firma. I tre indagati sono difesi dagli avvocati Salvatore Cusumano e Olindo Di Francesco.