Opere di restauro da parte delle Ferrovie dello Stato alla stazione centrale di Agrigento.

A seguito di alcune interlocuzioni avute tra il Sindaco del capoluogo, Francesco Miccichè, e i vertici dell’Azienda, è stato riparato l’orologio centrale e, proprio ieri, è stata ripristinata la tradizionale illuminazione delle due facciate, quella anteriore e quella posteriore.

Un restyling aspettato da tempo, molto apprezzato dagli agrigentini, che costituisce un bel colpo d’occhio anche per i turisti che si trovano a passare dalla stazione ferroviaria della città dei templi.

Un segnale importante d’impegno verso la struttura – commenta il Sindaco Miccichè –  che contribuisce a migliorare l’immagine della città. Continuerò questa interlocuzione con le Ferrovie per riprendere un vecchio progetto che prevedeva delle fermate intermedie fra Agrigento centrale ed Aragona Caldare. La prima a Fontanelle e la seconda in zona San Michele, nei pressi dell’ospedale San Giovanni di Dio. Sarebbe un modo per avere una metropolitana di superficie a costo ridotto e che faccia aumentare gli utenti che prendono il treno senza usare auto e moto e frequentano di conseguenza la stazione centrale di Agrigento che tornerebbe viva nel cuore della città”.