Sono state avviate ieri le operazioni di semina di cinquanta ettari di terreno, in contrada Virgilio a Naro, da parte della Cooperativa “Rosario Livatino Libera terra”, che gestisce terreni confiscati alla mafia. I soci, già a gennaio, avevano provveduto a mettere a dimora del grano in sessanta ettari sempre nella stessa area, e adesso hanno seminato dei ceci, che saranno coltivati anch’essi con principi di agricoltura biologica. Ora si attende l’estate, quando i frutti del lavoro potranno essere raccolti e successivamente venduti per essere commercializzati attraverso il consorzio Libera Terra Mediterraneo. Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente del Consorzio Agrigentino per la Legalità e lo Sviluppo, Mariagrazia Brandara.