fbpx

E’ giunto il fatidico giorno per i lavoratori del raggruppamento di imprese che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti, quello del primo pagamento delle ormai quasi tre mensilità in arretrato. Dopodomani, infatti, maturano anche il mese di marzo. Dalla Gesa fanno sapere di aver mantenuto le promesse. Il liquidatore Teresa Restivo, rassicura sul versamento effettuato alle ditte, di quasi un milione e mezzo di euro, per procedere al pagamento della prima mensilità. Dal canto suo, l’Ati ha già chiesto nella giornata di lunedì alla banca di procedere alle attività necessarie per effettuare i pagamenti. “Con molta probabilità, solo una parte giungerà nei conti dei lavoratori, quella che viene effettuata tramite bonifico, ci spiega il responsabile dell’associazione temporanea di imprese, Giancarlo Alongi, mentre per l’acconto di 500 euro chiesto dai lavoratori, si dovrà attendere fino a domani”. Insomma, promesse mantenute, e se per una parte si dovesse slittare di 24 ore, il problema è legato a procedure bancarie. “Speriamo che i pagamenti vengano effettuati entro domani, afferma invece Alfonso Buscemi, in questo momento il rapporto di fiducia e il rispetto dell’accordo preso è fondamentale”. I prossimi versamenti sono attesi per venerdì, quando verranno pagati l’altro mese e mezzo.

Nel frattempo, in vista della creazione delle nuove Società, le Srr, il commissario liquidatore di Gesa, Teresa Restivo, ha predisposto il bando di gara per il nuovo affidamento del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Nel corso della riunione con i tecnici delle 9 province siciliane, svoltosi a Palermo, i vertici del Dipartimento regionale hanno sottolineato la necessità di rimanere entro i tempi previsti, per l’attuazione dei vari adempimenti, in modo tale da pervenire alla costituzione delle nuove strutture, e quindi alla loro operatività, entro la prossima estate. Bisognerà affidare la bozza di statuto ai 43 Comuni della provincia affinché i rispettivi Consigli la approvino. In questo senso il Dipartimento rifiuti è anche pronto a commissariare quelle amministrazioni che non provvederanno in tempo.