Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alberto Davico, ha convalidato l’arresto dei due imprenditori agricoli licatesi Angelo e Vincenzo Amato, rispettivamente di 28 e 24 anni. I due sono stati arrestati sabato scorso, con l’accusa di tentato omicidio ai danni di Calogero Truisi, 44 anni, e suo figlio Angelo, 21 anni, palmesi. La sparatoria si è verificata intorno alle 8 del mattino di sabato all’interno dell’appezzamento di terreno dove lavorano i due Truisi, in contrada Stretto. Contro i Truisi sarebbero stati esplosi diversi colpi di fucile calibro 12 e di una pistola calibro 7,65.