fbpx

I giudici della Corte d’Assise di Agrigento (presidente Sabatino) hanno assolto la palmese Pietra Mancuso, 39 anni, nubile, accusata di aver uccuso la madre, Rosaria Lumia, 74 anni. Secondo quanto accertato dai periti, l”imputata al momento del fatto era totalmente incapace di intendere e di volere. L’omicidio venne perpetrato il 16 febbraio 2008. I giudici, vista l’accertata pericolosità sociale di Pietra Mancuso, ne hanno disposto il ricovero coatto per 10 anni in un ospedale giudiziario. L’imputata è stata difesa dall’avvocato Domenico Romano.