fbpx

“Le scelte compiute dal Governo, nell’ambito della Finanziaria 2011, colpiscono duramente le politiche sociali, già ridotte al lumicino, sino a cancellare completamente alcuni finanziamenti statali.” Sono parole del segretario provimciale della Cgil Pensionati, Piero Mangione.
“Tradotto significa- continua il sindacalista- che per la non auto sufficienza, mentre per il 2008 erano stanziati 300 milioni di euro, per il 2009 400 milioni, per il 2010 400 milioni, per il 2011, il 2012 ed il 2013 lo stanziamento è stato azzerato.
In provincia di Agrigento gli oltre 70 risultano essere oltre 40 mila di cui la metà necessita di una assistenza continua tra demenza senile, alzaimer e patologie croniche varie invalidanti !
La scelta del Governo, provoca lo scaricamento sui nuclei familiari, che accusano la presenza in casa di una persona non autosufficiente, un peso finanziario o assistenziale fortissimo, mentre condanna all’abbandono chi non ha un familiare che possa “badarvi””.