Il Tribunale di Agrigento ha condannato gli empedoclini Giacomo Lombardo a 1 anno e 6 mesi di reclusione e il figlio Calogero  Lombardo a 1 anno e 3 mesi. Per entrambi la pena è sospesa. Si è trattato del processo scaturito dall’operazione antidroga denominata “Red Scorpion” effettuata all’inizio dello scorso anno dai poliziotti del Commissariato di Porto Empedocle. Fu una retata eseguita nel cuore dell’altipiano Lanterna, dove Giacomo Lombardo gestisce la panineria denominata “Red Scorpion”. Giacomo Lombardo è tuttora un consigliere comunale della cittadina marinara, anche se sospeso su provvedimento del prefetto. Sospeso, ma mai dimessosi, lasciando di fatto occupato uno dei venti scranni del Consiglio empedoclino.