I precari della Pubblica Amministrazione hanno diritto al voto attivo e passivo. Lo stabilisce il Tribunale di Agrigento che ha deciso su un ricorso presentato dalla Funzione Pubblica della CGIL di Agrigento a firma del Segretario Generale Alfonso Buscemi.

Come si ricorderà nel marzo scorso si sono tenute le elezioni per eleggere i Rappresentanti dei lavoratori nel pubblico impiego in tutta Italia, tranne che al comune di Licata perché i componenti della Commissione Elettorale composta da quattro lavoratori si sono divisi non riuscendo a decidere in quanto due hanno preso atto che l’elenco dei lavoratori fornito dall’Amministrazione comprendeva i precari, mentre due non sono stati d’accordo.

L’ordinanza del Tribunale da ragione così alla funzione pubblica della cgil.