Importanti novità giungono dalla Camera dei Deputati dove ieri erano in discussione le mozioni concernenti iniziative volte all’introduzione del salario minimo, ossia la soglia minima cui devono sottostare le retribuzioni affinché possano essere eque ed efficienti, ed attualmente in vigore in ventuno Stati europei.

Tra le tante depositate passa la n. 1-00030, ovvero quella presentata dalla maggioranza e di cui è cofirmatario il deputato agrigentino On. Calogero Pisano che, peraltro, qualche settimana fa ha assunto l’importante ruolo di Segretario della XIV Commissione parlamentare della Camera per le Politiche dell’europea.

Nello specifico, la succitata mozione impegna il governo a raggiungere l’obiettivo della tutela dei diritti dei lavoratori attraverso precise misure come l’estensione dell’efficacia dei contratti collettivi nazionali comparativamente più rappresentativi alle categorie non comprese nella contrattazione nazionale, una riduzione del costo del lavoro che favorisca il rilancio delle imprese, un forte abbattimento del cuneo fiscale che consenta un maggiore potere d’acquisto per i lavoratori, l’implementazione di politiche attive volte a garantire una più veloce collocazione dei giovani nel mondo del lavoro.