A San Giovanni Gemini la notte scorsa, i carabinieri hanno arrestato Fallau Dia, senegalese di 33 anni, venditore ambulante, residente ad Agrigento. L’extracomunitario, entrato ubriaco in un bar dopo avere consumato un panino ed una bevanda, ha lanciato con violenza una bottiglia contro una parete del locale. Ripreso dal proprietario, Dia si è scagliato contro lo stesso, aggredendolo. Alcuni militari in abiti civili richiamati dal trambusto, hanno tentato di portare alla calma l’uomo, ma a sua volta per tutta risposta sono stati anche loro aggrediti. Senza non poche difficoltà è stato bloccato e arrestato. L’accusa è di danneggiamento, lesioni personali, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale.

Un pensiero su “San Giovanni Gemini, aggredisce titolare bar: arrestato immigrato”
  1. Ne approfitto di questo fatto di cronaca non eccessivamente grave, se paragonato ad altri ben più gravi, per lanciare un appello a tutti quelli che sono per l’ACCOGLIENZA! Anch’io sono per l’accoglienza, ma in modo diverso. Voglio perorare la causa, assieme ad altri 50 milioni di italiani ed assieme ad altri 350 milioni di europei (che la pensano come me) affinché gli extracomunitari vengano degnamente accolti, con tutti i crismi, dall’ARABIA SAUDITA! Lì regnano sovrani “ordine et disciplina” di modo che, dovendo tirar dritto senza devianza alcuna, eviterebbero pure le tentazioni a delinquere le quali (tentazioni) sono a portata di mano in Italia ed in Europa, vista l’eccessiva tolleranza che esiste nei confronti di coloro che da tutti gli angoli del globo, vengono a sfogare nelle nostre terre, i loro istinti delinquenziali. In ARABIA SAUDITA, invece, siccome esiste un ferreo regime, che non permette neanche ad una mosca di volare impunemente, ecco che le tentazioni a delinquere sono ridotte al lumicino. Tra l’altro godrebbero di tantissimi altri vantaggi, non ultimo il modo di pensare ed agire che collima perfettamente con il loro modo di agire e pensare.

I commenti sono chiusi.