fbpx

La scala dei Turchi è chiusa dallo scorso 27 febbraio quando la Procura di Agrigento ha sequestrato l’area per via dei frequenti crolli. Ma nonostante ci siano dei cartelli e delle transenne, e nonostante ci siano anche state delle denunce, c’è chi continua a frequentare la marna bianca. Anche nel fine settimana appena trascorso sono intervevuti i carabinieri e la Capitaneria di Porto per riportare l’ordine.

Denunciate 31 persone. Alla vista dei militari, in tanti si sarebbero allontanati velocemente, via mare e via terra.

C’era chi faceva i selfie e chi era disteso a prendere il sole e , ancora, chi , come denuncia mareamico “incredibilmente ha piantato un ombrellone nella marna. Così non si può andare avanti-tuona l’associazione ambientalista-. Nessuno si occupa della necessaria guardiania, al fine di impedire ai visitatori di commettere il grave reato penale di “violazione dei sigilli”, punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. ” dall’inizio della stagione estiva sono in tutto 100 le persone denunciate per aver violato i sigilli. Nei giorni scorsi, il sindaco di Relamonte, Lillo Zicari, aveva annunciato l’avvio di un servizio civico realizzato dal Comune con l’obiettivo di informare e sensibilizzare le persone non solo al rispetto delle regole, ma anche dei rischi che corrono sotto il profilo dell’incolumità  personale, dato che sulla stessa area oggi grava un’interdizione per il rischio crolli.