I comandanti dei pescherecci di Sciacca, coinvolti ieri mattina nel blitz condotto dagli attivisti di Greenpeace nel Canale di Sicilia, hanno denunciato l’associazione ambientalista alla Procura della Repubblica. Secondo loro si è trattato di un’azione che ha messo in pericolo la navigazione e la stessa vita delle persone impegnate, compreso il militante di Greenpeace che si è tuffato in mare. Chiedono alla magistratura di accertare eventuali reati.