I carabinieri hanno arrestato un nordafricano, Kamel Saafi, 39 anni, operaio, domiciliato a Sciacca, per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione. Sottoposto a perquisizione personale l’immigrato è stato trovato in possesso di due stecche di hashish, custodite insieme a del tabacco, all’interno degli indumenti che indossava. La perquisizione è stata estesa all’abitazione dell’uomo, dove sono stati rinvenuti nel vano ingresso-cucina, all’interno di altro indumento personale appeso ad un attaccapanni, altre 3 piccole stecche di analoga sostanza stupefacente, prive di involucro, quantificate in complessivi 6 grammi circa. Sempre nel vano cucina veniva trovato altro involucro di carta stagnola, contenente 5 piccoli frammenti di sostanza stupefacente di peso inferiore ad un grammo. Le ulteriori operazioni di perquisizione consentivano di trovare anche nella camera da letto, celate all’interno di una scarpa ed avvolte in un tovagliolo di carta, ulteriori 12 dosi hashish. Rinvenuti dai militari dell’Arma, all’interno di uno zaino, anche 33 telefoni cellulari usati, due fotocamere digitali e 8 schede telefoniche, dei quali l’uomo non ha saputo o voluto indicare la provenienza. Il materiale ritenuto di provenienza illecita, è stato posto sotto sequestro, onde procedere agli accertamenti finalizzati all’eventuale rintraccio dei proprietari. Nello stesso contesto è stato segnalato alla Prefettura, quale assuntore di sostanze stupefacenti, altro soggetto, nel frattempo sopraggiunto nell’abitazione dell’extracomunitario, pure trovato in possesso di una modica quantità di hashish che deteneva per uso personale. A conclusione degli accertamenti l’arrestato è stato riaccompagnato dai Carabinieri nella propria abitazione, dove dovrà permanere in regime di arresti domiciliari.