Tre ventenni di Sciacca non potranno frequentare la località balneare Stazzone, meta preferita dai giovani saccensi. Alcune settimane fa erano stati denunciati dal proprietario di un locale pubblico che riferiva di atteggiamenti arroganti e prepotenti: dopo avere usufruito dei servizi dell’esercizio commerciale se ne erano andati senza pagare. Alla denuncia hanno fatto seguito le indagini, dalle quali sono emerse le responsabilità dei tre giovani. Da qui il provvedimento cautelare emesso dal Tribunale della città delle terme. Per uno dei tre soggetti i guai derivanti da questa misura cautelare sono anche di natura lavorativa. In questi giorni, infatti, avrebbe dovuto prendere servizio in uno dei cantieri lavoro che si stanno avviando in città. E per ironia della sorte gli era toccato proprio quello dello Stazzone. Per tale motivo ha chiesto al Comune di essere spostato in un altro cantiere.