I giudici della Corte d’Appello di Palermo hanno condannato a 6 anni di reclusione Domenico Friscia, di 47 anni, di Sciacca. L’imputato era chiamato a rispondere del reato di associazione del delinquere di stanpo mafioso. Friscia era stato condannato a 5 anni dal Tribunale penale di Sciacca al termine del processo “Itaca”, scaturito dall’omonima operazione scattata del 2003. In Appello la pena era stata aumentata di un anno, ma la Cassazione aveve annullato con rinvio la dentenza. Di Friscia ha ampiamente parlato il collaboratore di giutsizia Calogero Rizzuto, di sambuca di Sicilia, ex esponente di primo piano di Cosa Nostra.